Essere juventini a Napoli

Andare in basso

Essere juventini a Napoli

Messaggio  Ischia isola Verde il Mar 18 Gen 2011 - 21:37

Essere juventini a Napoli è qualcosa tipo una missione. Essere juventini a Napoli è uno stato dell’anima. Sei straniero tra la tua gente, se sei juventino a Napoli. Bisognerà prima o poi pensare ad un contributo economico mensile agli juventini a Napoli, una specie di reddito di cittadinanza. O un risarcimento danni. Non fosse altro per le volte che sei stato costretto a sentire quella frase stupida che se sei napoletano non puoi tifare per una squadra del Nord. Come se un bambino di sei anni, accecato d’amore per quelle magliette bianconere, per giocatori come Roberto Baggio, potesse sapere di Bossi e del Regno delle Due Sicilie. E ti verrebbe voglia di urlare che tu questa terra la ami, questa dannata, meravigliosa terra la ami davvero, forse anche più di tanti che la domenica impazziscono per undici calciatori con la maglietta azzurra. Che la ami e che saresti disposto a morirci e, forse, lo hai già fatto, quando hai deciso di passarci la tua vita. Ma che la maglietta bianca e nera a strisce verticali, quella ce l’hai stampata sul cuore e non ci puoi fare davvero niente.
Sei tifoso di un’idea, se sei juventino a Napoli; sei tifoso di una immagine. Anche la domenica in cui vinci uno dei tuoi 29 scudetti o la notte in cui ti capita di salire sul tetto del mondo, se sei fortunato e ti sei circondato di amici che vivono la tua stessa condizione, può scapparci un brindisi con uno spumante, torinese, e poi tutti a casa. Niente cortei, niente follia collettiva, nessuna isteria, nessuna condivisione con l’universo. Un coito interrotto.
Sei tifoso di un'immagine, se sei juventino a Napoli. Potresti essere tifoso del Real Madrid o dell’Arsenal, non cambierebbe granché. Eppure.
Eppure c’è una partita, una sola, in tutto l’anno in cui essere juventino a Napoli significa di più. È quando la tua Juve viene a giocare nella tua Napoli. Sai già, da mesi, che quella sarà una domenica difficile. Qualunque sia il campionato che le due squadre stanno conducendo, qualunque sia la distanza di punti tra le due, tu sai che quella è “la” partita.
E vivi un conflitto con te stesso. Non capita facilmente che la tua squadra giochi a pochi chilometri da te. E tu sai che non andrai a vederla, sai già che non ce la farai a stare lì, in silenzio, qualunque cosa accada. È come andare all’appuntamento con la donna che ami e non poterle esprimere i tuoi sentimenti. E, allora, decidi di vederla in televisione.
Così, domenica sera.
La telefonata di Luigi arriva, puntuale, un paio di ore prima della gara. “Ci siamo per stasera?” chiede. È una specie di rito scaramantico al quale sai che non potresti mai rinunciare. “Come no” rispondi distratto. Ma dentro di te sai che in quei 90 minuti ti piacerebbe fare tutt’altro. Potresti portare i nipotini al lago, se non facesse freddo, e se solo ci fosse un lago, uno solo, nella tua città… il cinema, perché no, si potrebbe andare al cinema con la fidanzata… magari rimanere in casa, se ci pensi c’è ancora da togliere l’albero di Natale, poi magari alle 10 e mezzo accendi la televisione, televideo, pagina 220 o giù di lì, 90 minuti raccontati in una immagine, in un secondo. Poi.
Poi all’orario della partita, quasi di istinto, prendi le chiavi della macchina, saluti ed esci di casa. Ma lentamente, come se una parte di te fosse ancora indecisa, come se fosse una zavorra che ti appesantisce. Fai le scale mentre senti nelle altre case gente che si prepara alla partita, sedie che si spostano, commenti alle formazioni, quello del terzo piano che sta pagando le pizze al ragazzo in ciclomotore col bauletto dietro.
La città è deserta e tu pensi che è bella così, quasi ti dispiace dover andare a casa di Carlo a vedere la partita. Potresti goderti la città, è tutta tua. È bellissima, pensi, senza i motorini impazziti, pedoni senza regole, la senti tua. Non eri mai stato geloso di un posto come ora. Ti piacerebbe fermare le lancette dell’orologio, o spostarle avanti, verso le undici di stasera.
Sul display del telefono il nome di Luigi lampeggia mentre stai cercando un posto per la macchina. Sai già che cosa vuole, “Che fine hai fatto?” ti chiederà. E se invece volesse annunciarti un gol della Juve? In quel momento ti rendi conto che non hai nemmeno acceso l’autoradio per sentire la partita. Parcheggi, scendi dalla macchina, premi il pulsante delle sicure, ancora Luigi sul cellulare, “Sto arrivando!” gli rispondi senza farlo parlare, fai alcuni passi, stai per imboccare il viale che porta a casa di Carlo. Quando.
Quando, improvvisamente, tutto intorno a te, ma tutto proprio, anche le pietre, i lampioni, le macchine, cose alle quali stupidamente prima di quel momento non avevi dato la possibilità che avessero un’anima, cominciano ad urlare. È un urlo che sale improvviso, lo senti arrivare come un’onda, compatto, uniforme. Un urlo che sembra nascere dalle viscere della terra. Tu sai che in quel momento, in quel preciso istante, sta per cominciare una settimana difficile per te, fatta di sms, telefonate, messaggi su facebook. Senti, dentro di te, di amare come non mai quella maglia, anche se ti mette in quelle condizioni. Bussi al citofono di Carlo.
E capisci che essere juventini a Napoli è una missione. È uno stato dell’anima.
avatar
Ischia isola Verde

Messaggi : 670
Data d'iscrizione : 10.09.09
Età : 34
Località : napoli

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Essere juventini a Napoli

Messaggio  maiori il Mer 19 Gen 2011 - 1:45

megaride ha scritto: Non fosse altro per le volte che sei stato costretto a sentire quella frase stupida che se sei napoletano non puoi tifare per una squadra del Nord. Come se un bambino di sei anni, accecato d’amore per quelle magliette bianconere, per giocatori come Roberto Baggio, potesse sapere di Bossi e del Regno delle Due Sicilie.

Un bimbo di 6 anni no, un uomo di 27 si!!!!!!
avatar
maiori

Messaggi : 918
Data d'iscrizione : 05.08.09
Età : 33
Località : Marano

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Essere juventini a Napoli

Messaggio  Nisida78 il Mer 19 Gen 2011 - 12:34

Commento di Maiori: mi piace
avatar
Nisida78

Messaggi : 1090
Data d'iscrizione : 05.08.09
Età : 33
Località : Marano

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Essere juventini a Napoli

Messaggio  Real S. Lucia il Mer 19 Gen 2011 - 14:37

dino non perder tempo a spiegare a tutti xkè sei juventino...l'importante è essere convinti del proprio tifo e di non sventolare come le bandiere,la squadra va sostenuta nei belli e brutti momenti...poi ognuno può dire ciò ke vuole e porta l'acqua al suo mulino.
Noi non capiremo mai la loro mente e i loro ragionamenti,e loro non capiranno i nostri...il calcio è uno sport e si tifa x ki si vuole...poi in molti invece predicano bene e razzolano male(basta sentire frasi ai mondiali tiferò x l'argentina,brasile,ecc...)si guarda al paragone tifoso=zona dove si vive quando conviene
questo accade anke nei motori...dove in moto si tifava x valentino(con moto giapponese)e in F1 ferrari(con piloti stranieri)
la verita è ke il tifare significa = fare il tifo, incitare, parteggiare, propendere, tenere. (non ce scritto x ki e come,quello lo si decide da soli e in assoluta libertà ^_^)
avatar
Real S. Lucia

Messaggi : 338
Data d'iscrizione : 21.08.09
Età : 31
Località : Aversa

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Essere juventini a Napoli

Messaggio  Nisida78 il Mer 19 Gen 2011 - 16:03

Sono assolutamente d'accordo con te quando dici:
Noi non capiremo mai la loro mente e i loro ragionamenti,e loro non capiranno i nostri...
Io sono uno di quelli che diceva che ai mondiali avrebbe tifato argentina.
Ma questo non è un controsenso rispetto a quello che ti senti sempre dire.....io non ho mai detto che bisogna tifare la squadra dove vivi, ma bisognerebbe tifare la squadra che ti rappresenta, ovviamente non è un obbligo ma è semplicemente l'idea che io ho dello sport. Tifare Argentina è una parola grossa, sarebbe meglio dire essere felici se l'argentina avesse vinto.

Io tifo Napoli perchè il Napoli mi rappresenta, perchè mi sento figlio di questa città, perchè ci sto male quando vedo la mia città cadere a pezzi fisicamente, moralmente, istituzionalmente etc.....ma questo non succede per l'Italia in quanto nazione. Io mi sento Napoletano, ma non Italiano, quando ero a Londra e mi chiedevano da dove venivo, io rispondevo quasi sempre Napoli, non Italia.....e questa la dice tutta! L'Italia non mi piace molto, e non mi sento rappresentato da questa nazione. L'Italia sta morendo così come sta morendo Napoli, anche se in termini diversi, Napoli che muore mi fa stare male dentro, l'Italia che muore non mi frega proprio....mi importa solo perchè la sua morte potrà rendere più difficile la mia vita e poi mi dispiace per quei poveracci che buttarono il sangue per un ideale che credo che non era quello che poi si è realizzato!
Poi avrei tifato Argentina anche perché ancora una volta, come in passato, la nazionale Italiana non aveva perso occasione di snobbare i calciatori che giocano nel Napoli....(mi riferisco per esempio a Maggio, Quagliarella, De Sanctis, Cannavaro P, Ferrara, Zola etc etc....)
Non ti nascondo però che quel poco di nazionalismo che ho nell'anima, mi ha spinto a tifare l'Italia, anche emozionandomi, quando non riusciva a qualificarsi contro quella banda di artigiani oppure quando quell'evento che solo se sei fortunato ti capita di vivere in una vita intera.....la vittoria della coppa del mondo!
avatar
Nisida78

Messaggi : 1090
Data d'iscrizione : 05.08.09
Età : 33
Località : Marano

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Essere juventini a Napoli

Messaggio  Ischia isola Verde il Mer 19 Gen 2011 - 18:12

maiori ha scritto:Un bimbo di 6 anni no, un uomo di 27 si!!!!!!

Ke uomo sarei se a 27 anni smetterei di tifare Juve, squadra ormai diretta verso lo sfascio, e comincerei a tifare x il napoli che sta andando alla grande???
Non sarei nemmeno un uomo...te lo dico io!!!
avatar
Ischia isola Verde

Messaggi : 670
Data d'iscrizione : 10.09.09
Età : 34
Località : napoli

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Essere juventini a Napoli

Messaggio  Nisida78 il Mer 19 Gen 2011 - 20:35

Diciamo che avresti potuto fare questa scelta a 21 anni quando il Napoli era in serie C e già conoscevi Bossi e il Regno delle Due Sicilie. Di che tifi Juve e basta, ma non trovare giustificazioni Smile
avatar
Nisida78

Messaggi : 1090
Data d'iscrizione : 05.08.09
Età : 33
Località : Marano

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Essere juventini a Napoli

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum